implantologia,implantoprotesi, impianti dentali, impianti denti, chirurgia implantare, chirurgia implantologica

​​   

FRANCINI


   

FRANCINI


STUDIO DENTISTICO

STUDIO DENTISTICO

info@studiofrancini.it

viale principe Umberto 97 - Messina

09046635


viale principe Umberto, 97 - 98122 Messina - Italia

Telefono +39 09046635 - E-mail:  info@studiofrancini.it  - P. iva 01932720830

​Iscritto al n° 230 dell'Albo degli Odontoiatri dell'Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Messina


                                    


facebook

IMPLANTOLOGIA

La tecnologia al servizio della funzione


​Ci avvaliamo di tutte le più sofisticate tecniche di implantologia: carico differito,  carico immediato, post estrattivo, flapless,implantologia computer guidata. E di implantoprotesi: all on four, all on six, toronto bridge.

impianti dentali arcata

Definizione di implantologia

L’implantologia dentale è l’insieme delle tecniche chirurgiche usate per ripristinare la funzione masticatoria in soggetti che hanno perso uno o più denti. Per fare questo si usano gli impianti dentali, cioè elementi metallici in titanio simili a viti autofilettanti. Gli impianti possono sostituire un singolo dente o più denti o ripristinare un'arcata completamente priva di denti.


Implantologia a carico differito

L’intervento, praticato normalmente in studio, si fa in anestesia locale. L' osso della mandibola o della mascella viene perforato con delle particolari frese chirurgiche, quindi nel foro così creato si avvita l’impianto .La procedura, che complessivamente dura circa 30 - 40 minuti, termina con la sutura della gengiva.

impianto dentale singolo

Dopo l’intervento il paziente necessita di 2-3 giorni di riposo, poiché , di solito nelle prime 24-48 ore, può comparire un po’ di gonfiore nella zona trattata, che comunque scompare in pochi giorni. Durante i 2-3 mesi successivi se è stato inserito nella mandibola, o 3-6 mesi se è stato inserito nella mascella, l’impianto si salda intimamente all’osso, cioè , in termine tecnico, si integra. Avvenuto ciò si può passare alla fase protesica per sostituire gli elementi mancanti.

Implantologia a carico immediato

Una volta inserito l’impianto, se le condizioni lo consentono, si può decidere di sottoporlo immediatamente al carico masticatorio, connettendogli nella stessa seduta una protesi provvisoria. Il vantaggio di questa tecnica è che il paziente torna a casa con il dente (o i denti) subito in bocca, senza dover attendere il tempo necessario all’integrazione.

implantologia messina post estrattivi

Impianti post-estrattivi

In caso in cui l’impianto debba sostituire un dente estratto si può decidere, se le condizioni lo consentono, di inserirlo nella stessa seduta dell’estrazione adattandolo all’alveolo lasciato libero dal dente. In questo modo si ottengono 2 vantaggi: si evita la seduta in cui si sarebbe dovuto perforare l’osso e soprattutto si evita di aspettare i due-tre mesi necessari alla formazione di nuovo osso per potere inserire l’impianto.

Implantologia computer-guidata

In questa tecnica di recentissima acquisizione , riguardante soprattutto estese riabilitazioni con inserimento di più impianti, ci si avvale dell’uso combinato della tac e del computer. Quest’ultimo, sulla base di un esame tac particolare, studia le caratteristiche anatomiche del paziente e realizza virtualmente il caso in tutte le sue fasi, protesi inclusa, decidendo quali sono i punti e le profondità più adatti per inserire ciascun impianto. Queste informazioni vengono poi trasferite al chirurgo tramite la realizzazione della cosidetta dima chirurgica. Essa è una guida a forma di placchetta riproducente un’arcata dentale , realizzata in materiale plastico particolare, in cui 

sono sagomati i fori che indicheranno all’odontoiatra l’esatta posizione e profondità di perforazione. In questo modo si è sicuri di inserire gli impianti in zone con osso adeguato, funzionali alla realizzazione della protesi finale, e di evitare di danneggiare strutture anatomiche come vasi sanguigni, nervi, seno mascellare, ecc. ecc.

impianto dentale pilastro in zirconio

Protesi mobili sostenute da impianti

Un’altra possibilita', per chi non vuole affrontare trattamenti lunghi o costosi, sia per l’età sia per altri problemi dì salute , è quella di mettere pochi impianti, 4-6 al massimo, che sostengano una protesi mobile. In questo caso la protesi viene ancorata con “barre” oppure con “attacchi simili ai bottoni automatici. Queste tecniche garantiscono il raggiungimento di una ottima stabilità protesica , aumentano la sicurezza e la soddisfazione del paziente e possono essere usate anche per “trasformare” una vecchia protesi mobile in una protesi mobile ancorata.

impianti dentali mandibola
Durata degli impianti

La durata in bocca di un impianto dipende da vari fattori. Oltre alla qualità e quantità dell’osso presente nelle zone da trattare, sono fondamentali anche altri fattori, tra cui mantenere una buona igiene orale e ridurre il più possibile il fumo . Come tutte le tecniche chirurgiche, anche nell’implantologia esistono possibilità di fallimento, che consistono perlopiù nella mancata integrazione dell’impianto all’osso, variabili dal 2 al 10% dopo 10 anni, a seconda delle varie statistiche prese in considerazione.

Controindicazioni all'implantologia

Come in ogni atto chirurgico , anche in implantologia esistono controindicazioni. Alcune, attinenti allo stato di salute in generale, riguardano i pazienti con diabete non compensato, malattie del fegato, soggetti che da pochi mesi si sono sottoposti a radioterapia, cardiopatici non compensati., forti fumatori, soggetti con pessima igiene orale. Altre, di carattere locale , sono soprattutto la quantità e la qualità di osso disponibile, anche se possono essere superate con l’uso di tecniche particolari. Le zone più a rischio sono le zone posteriori della mandibola e dela mascella. Nei casi di quantità insufficiente, le tecniche di rigenerazione e di innesto osseo consentono comunque l’inserimento di impianti nella maggior parte dei casi.

Create a website